Perché le seghe hanno più iscritti di te?

Non cosa ma chi

“Vedo alcune scuole che hanno insegnanti di merda fare più iscritti di me, come è possibile?”

Questa frase l’avrò sentita miliardi di volte da quando ho cominciato a lavorare online. Perché chi sembra offrire meno di te, spesso ha più successo di te?

Le risposte possono essere milioni, non va mai ricercato un solo fattore quando un progetto ha successo, ma spesso chi  lavora sul brand, anche se il 99% delle volte non ne è consapevole, attira molte più persone di chi punta sulla sostanza, sui contenuti.

Quante volte ti è capitato di vedere scuole qualitativamente discutibili fare più iscritti di altre pur non offrendo reali valori?

Scommetto che non le conti più. Perché succede questo? Perché gli altri hanno poteri magici o perché la gente non capisce un cazzo?
Niente di tutto questo.

La gente non sa, capisce quello che conosce. 

Dobbiamo partire da un presupposto: molti di quelli cui cerchi di vendere i tuoi corsi non sanno cosa fai realmente, per cui, per comprare devono affidarsi a cose che conoscono e il 99% delle volte, si affidano a CHI conoscono o sembra più conosciuto.

Il passaparola? Sì, ma non solo, conta il CHI quando il prodotto non è conosciutissimo.

Chi è molto importante, il brand, la sua fama, quanto è conosciuto e soprattutto come.
Puoi tirare fuori mille contenuti di valore, ma se non lavori sull’immagine, sul farti conoscere, sarà difficile eguagliare chi invece, pur essendo meno bravo, è più famoso.

Lavora su chi sei, sulla tua identità, sul farti conoscere e soprattutto riconoscere dalle persone, non lo ritenere un lavoro per gente amante dell’autoreferenzialità: ci sono milioni di sistemi per lavorare sul brand senza essere autoreferenziali.

Non stai lavorando per farti apprezzare dalla concorrenza, ma dai tuoi potenziali allievi. 😉

By | 2018-10-24T12:19:18+00:00 ottobre 24th, 2018|Comunicazione|2 Comments

2 Comments

  1. Simone 24 Ottobre 2018 at 14:09 - Reply

    bellissimo! Questo lo stampo e lo porto a Fabio!

Leave A Comment