Con me butti soldi

Quando contatti una consulente scambiandola per Harry Potter

“Non sono soddisfatto della consulenza, cercavo altro. Per me sono soldi buttati”

Me lo scrive P., proprio così. Lo pubblico senza censure e soprattutto senza il timore di perdere clienti.

Non vorrei strappare la pelle a P., anzi, mi dà modo per chiarire cosa faccio veramente e perché non sono per tutti. 😉

Vesto la casacca nell’alchimista denoiartri e trasformo questa recensione sinistra in un messaggio tondo tondo: se da me ti aspetti la formula magica per portare gente a teatro nel giro di una settimana, senza lavorare sugli obiettivi e sul progetto, allora NON mi contattare.

Non ti serve una consulente, ti serve Harry Potter che si pianta davanti al teatro con la bacchetta sguainata urlando “ACCIO PUBBLICO” verso tutti i passanti. Fai SOLD OUT sicuro.

Con me lavori, di brutto, devi studiare, analizzare, capire chi sei, cosa fai, chi è il tuo pubblico, dove è, cosa si aspetta, cosa vuole, quanto è disposto ad investire in termini di tempo e denaro per venire da te invece che guardare Il Segreto in televisione.

DOPO c’è la comunicazione, l’originalità ragionata, che funziona in base all’obiettivo.

Devi capire cosa vuoi veramente.
Perché spesso “non avere tempo” significa che dopo il lavoro, preferisci sdraiarti sul divano a discutere sui social contro quelli che sostengono il governo, per poi sentirti troppo stanco per lavorare VERAMENTE sulla strategia del tuo spettacolo. Idem per i soldi: “Non ho soldi” e poi due viaggi all’anno, iPhone nuovo di stirpe e tutti gli ammennicoli senza i quali la tua identità viene sospettata di non valere un cazzo.

Il riposo è uno strumento di lavoro, ma lo è anche capire dove ti vedi tra uno o due anni, quali sono gli obiettivi, se stai mettendo in piedi questo progetto per un lungo termine o solo perché sai recitare o improvvisare e pensi che il pubblico stia lì ad aspettare te fremendo per darti i suoi soldi e il suo tempo.

Se è un “vabbe’, ci provo”  non mi contattare, scrivimi SOLO se sei totalmente, ardentemente convinto di volerci investire tempo e impegno, altrimenti con me butti solo soldi e divento quella che non sa lavorare.

E’ come quando vai dal medico, lui ti dà una cura: TU non la segui, ti aggravi e la colpa ricade sul medico.

Troppo semplice così. Anche troppo stupido, ma per te, non per altri. Perdi tu, perché io vengo pagata in anticipo, quindi sto a posto. Non mi soddisfa sapere che non raggiungerai i tuoi scopi, ma cosa posso farci?

La comunicazione e il marketing teatrale NON sono una passeggiata di salute, sono studio, formazione, costanza, obiettivi chiari, motivazione a mille e sacrificio.

Sei sufficientemente determinato ad arrivare da qualche parte o ci stai solo provando tanto per?

By | 2019-01-23T18:30:58+00:00 gennaio 23rd, 2019|Comunicazione|0 Comments

Leave A Comment